This post is also available in: Italiano

⏱ Reading time: 7 min

Il dodicesimo capitolo della rubrica Human Code è dedicato a Gabriele Nardi, Software Engineer, classe ’92. Ad essere intervistato in video-chiamata è l’uomo-Bluetooth per eccellenza e il cuoco provetto di MOLO17, protagonista di questo articolo. 

Gabriele Nardi seduto alla sua scrivania con il mac e due maxi monitor
Oggi – Gabriele Nardi

Le origini di Gabriele Nardi

Sono sempre stato fedele a me stesso. In altre parole, fin da piccolo avevo già le idee chiare su cosa avrei fatto. Da grande, avrei sempre voluto lavorare con il computer e l’elettronica.

Gabriele da bambino
Gabriele da bambino

Gabriele vive a Castions delle Mura, un piccolo paesino friulano. Frequenta il liceo scientifico sperimentale PNI, dove apprende le basi dell’informatica. Preso il diploma, Gabriele però tentenna sulla strada da intraprendere. 

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Video presentazione

Durante quegli anni avevo scoperto anche la fisica e chimica, che come materie mi erano piaciute davvero molto. Ero, quindi, un po’ indeciso alla fine tra fisica, chimica ed informatica.

L’università 

Alla fine per Gabriele prevale l’interesse per l’informatica, come aveva già deciso da bambino.

Su questa scelta mi ha spinto mio zio. Lui è docente e ricercatore della facoltà di Biotecnologie in un’università inglese. Per le sue ricerche si è servito dell’informatica per fare delle previsioni e dei grafici, relativi alle sue ricerche. Così mi sono iscritto nel 2012 alla facoltà di Informatica all’Università degli Studi di Udine. Le mie aspettative, però, sono rimaste disattese. Durante i corsi ho trovato troppa teoria sugli argomenti ed io cercavo un corso più pratico e tecnico. Ho trovato anche tanta matematica, come alle superiori. Tutto questo mi ha portato a cambiare i miei piani.

Nel 2015, quasi al terzo anno, Gabriele decide di lasciare gli studi universitari e prende in considerazione, come alternativa, un corso biennale all’ITS Kennedy a Pordenone.

Corso biennale TSAM – ITS Kennedy

Il corso biennale in questione è il TSAM – Tecnico Superiore per i metodi e le tecnologie per lo sviluppo di sistemi software: Sviluppo Mobile Devices.

L’ho scoperto perché, quando stavo per immatricolarmi, l’ITS Kennedy mi aveva mandato una lettera informativa a riguardo. All’epoca l’avevo ignorata perché avevo preso la decisione di andare all’università. Qualche anno dopo, proprio in quel periodo l’ho ripresa in mano e l’ho considerata l’opportunità giusta per me. E allora mi sono detto: “Perché non provare questo corso di sviluppo mobile?”.
Lo consiglio, mi sono trovato molto bene, perché ha un approccio più tecnico e pratico. Nella mia classe ho conosciuto anche il mio futuro collega Damiano Giusti.

  • Esame finale di Gabriele Nardi all'ITS
  • Giorno del diploma del corso TSAM

Sarà proprio lui a suggerire Gabriele, per una posizione aperta di programmatore, a Daniele Angeli, durante un recruiting di MOLO17.

App Sagrando

Durante uno stage del corso mi sono occupato del progetto di sviluppo di un’app eliminacode per una festa di paese. La sua funzione era di gestire le code e numerare le ordinazioni. Quando arrivava il tuo turno, arrivava una notifica sul telefono e sapevi che ti sarebbe arrivato il cibo al tavolo. L’avevamo chiamata Sagrando. Il feedback ricevuto è stato molto positivo.

  • App Sagrando - prenotazione
  • App Sagrando - numero ordinazione e messaggio coda
  • App Sagrando - preparazione dell'ordine

Arrivo in MOLO17 di Gabriele Nardi

Dopo il diploma del corso biennale, Gabriele viene contattato ben presto da MOLO17. Entra a far parte del team nell’ottobre 2017, come iOS developer.

2017 - MOLO17 Team
2017 – MOLO17 Team

Primo progetto

In primis, mi sono occupato di un’app che si integrava con il gestionale che aveva sviluppato sempre MOLO17. È stata una un’ottima palestra, perché mi sono cimentato con tecnologie che non si vedono spesso nelle app classiche, come deep Linking dal web e la realtà aumentata. Quindi grazie a questo progetto sono venuto in contatto con diversi ambiti di sviluppo app, anche molto particolari. Ad esempio ho potuto lavorare con i beacon Bluetooth.

Altri progetti 

Gabriele ha orgogliosamente partecipato ad un progetto che consisteva nella realizzazione di una maglietta con dei sensori che monitorava diversi valori, come la pressione del sangue e il battito cardiaco. Nello specifico si è occupato, assieme ad un altro collega, dell’integrazione Bluetooth tra l’app e la maglietta.

Ho collaborato e collaboro con Matteo Sist per i progetti di MobileBridge, la sister company di MOLO17. Tra questi ho dato il mio supporto anche su TwinForce. Twinforce è app lean per la gestione del personale, human-friendly, che si integra con i sistemi ERP, MES e CRM.
Nell’ultimo anno, poi, ho avuto modo di essere affiancato e lavorare a stretto contatto con il collega Giovanni Trezzi. Giovanni mi ha aiutato a maturare nel settore. Mi ha insegnato un nuovo approccio al lavoro e una nuova metodologia. È veramente stimolante avere un collega così in azienda. Aiutarsi professionalmente a vicenda, questo è lo spirito di MOLO17.

Ruolo di Gabriele Nardi in MOLO17

Gabriele, come anticipato, è un Software Engineer, in particolare si dedica alla parte iOS. Segue lo sviluppo di applicazioni per iPhone e iPad, per il momento soprattutto per il lato business.
Da poco è anche autore di articoli tecnici sul blog di MOLO17. 

Proprio un paio di settimane fa, ho scritto un articolo che riguarda Couchbase Peer-to-Peer. Si tratta di una particolare componente di Couchbase, che consente la replica dei dati di un database ad un altro. Il vantaggio del Peer-to-Peer di Couchbase è che non è necessaria una rete internet. I due dispositivi interagiscono tramite Bluetooth o WiFi per scambiarsi informazioni.

Primo piano di Gabriele Nardi
2018 – Gabriele Nardi, Software Engineer

L’uomo del bluetooth

In azienda, infatti, Gabriele è ormai considerato “l’uomo-Bluetooth”. Questo perché, da anni, lavora quasi esclusivamente con questa tecnologia in diversi progetti rilevanti.

Gabriele Nardi oltre MOLO17

Si definisce un ragazzo tranquillo e generoso. Tra le sue passioni, troviamo anche la cucina.
Il team di MOLO17 ha già provato il suo fantastico tiramisù, approvato a pieni voti da tutti. 

Cuoco provetto

Me la cavo a cucinare. Non sono uno chef, ma diciamo che alcuni piatti mi vengono bene. I miei pezzi forti sono il tiramisù e la carne di qualsiasi tipo. Di recente ad esempio ho fatto della lonza con un po’ di curry e pepe, piatto molto riuscito. Anche la carbonara mi riesce bene.

  • Carbonara by Gabriele
  • Tiramisù di Gabriele
  • Costicine alla griglia
  • Pizza all'ananas e prosciutto cotto
  • Torta di mele

Basket e giochi di logica

A Gabriele piace giocare con i videogiochi, ma non disdegna neanche lo sport fisico, ma logico

Gabriele e la sua squadra di basket
Gabriele e la sua squadra di basket

Gioco a basket. In generale mi piacciono gli sport dove c’è anche impegno a livello cognitivo. Il basket Infatti gioca molto sul prevedere le mosse dell’avversario e bisogna saperle interpretare per reagire di conseguenza. Per questo mi piace, è un gioco molto di testa.

Giochi di logica a go go. Gabriele è un appassionato di indovinelli e rompicapi. In casa sua non può mancare la settimana enigmistica e il cubo di Rubik. Tra l’altro ne ha anche uno sulla scrivania del suo ufficio. 

Durante il periodo COVID-19

In questo periodo, tutto il team di MOLO17, compreso Gabriele, sta lavorando in smart working per rispettare le normative nazionali dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo. Come tutti, anche Gabriele deve adattare il proprio tempo libero entro le mura domestiche. 
Convive da ormai un anno con la sua ragazza, Amanda. Hanno due gatti, Kuzco e Bacon.

Gabriele e i suoi gatti

Sono fiducioso, tutto procede bene. Soprattutto con il lavoro.

Lo smart working secondo Gabriele Nardi

Il lavoro in smart working di MOLO17 funziona. L’azienda era già preparata. Quasi tutti avevano già provato a lavorare da casa altre volte, ma mai per un periodo così lungo. Chiaramente i contatti umani vengono meno. Manca il rivedere ogni giorno i colleghi in ufficio, anche se siamo tutti in contatto. Ad ogni modo, operativamente riusciamo, con tranquillità, a svolgere tutte le nostre funzioni.

Tra 5 anni

Gabriele è abbastanza concreto e non ha sogni irraggiungibili. Vive semplicemente giorno per giorno. 

In MOLO17 mi sono sempre trovato bene. Ho sempre avuto sogni molto realistici, nel senso che mi pongo obiettivi raggiungibili. So cosa mi fa stare bene e voglio continuare a farlo.

Conclusione 

Ringrazio il team di MOLO17, The Harbor e MobileBridge perché tutti loro contribuiscono a creare un bel clima aziendale. Vi ringrazio per questo.

2019 - Team MOLO17
2019 – Team MOLO17, The Harbor & MobileBridge

Ti sei perso gli ultimi capitoli della rubrica? Leggi degli altri protagonisti di MOLO17 qui.